Perché oggi senza il Branding conti meno di ZERO

Crea Guide
Share

Nell’era digitale le aziende non possono più occuparsi solo di curare l’offerta di un prodotto e/o di un servizio, ma devono occuparsi del proprio brand.

Il brand assume la funzione di guida ed orientamento nel processo di acquisto del consumatore. Il brand collega azienda, prodotti e consumatori tramite valori, ideali e senso di appartenenza.

Il branding è l’insieme di attività che si possono ricondurre all’ideazione, creazione e gestione del brand.

È fondamentale far rientrare il branding nella strategia di business con il fine di influenzare la percezione dei consumatori in modo che essi siano persuasi a comprare ed usare i prodotti e/o i servizi offerti in cambio di un’esperienza gratificante.

Nell’era digitale ogni brand deve pensare di aggiornare la propria strategia per sopravvivere alla concorrenza e massimizzare i profitti.

Una strategia di branding corretta implica l’uso di una forte identità visiva che permetta di trasmettere i valori e la personalità, farsi riconoscere dal consumatore e allo stesso tempo di differenziarsi dai competitors. L’elemento principale dell’identità visiva del brand è il suo logo, il quale a sua volta è composto da diversi elementi.

Nome

È di estrema importanza la decisione del nome poiché verrà letto, scritto e pronunciato dai consumatori. Deve colpire, durare nel tempo, evocare i valori del brand e cercare di scaturire emozioni.

Logotipo

È sostanzialmente la parte scritta del logo che corrisponde al nome aziendale in una determinata font (carattere) e colori.
È fondamentale la scelta della font (carattere), deve essere originale e diversa dai competitors e allo stesso tempo facilmente leggibile in lontananza e da varie angolazioni.

GUIDA ALLA SCELTA DELLA FONT

Pittogramma

È la parte simbolica del marchio che si affianca al logotipo, cioè l’emblema non leggibile e pronunciabile che riconduce all’azienda.
I pittogrammi possono essere “ideogrammi” se rappresentano segni astratti e/o geometrici (ad esempio Mercedes, Nike, Mitsubishi…) oppure “iconografici” se invece riproducono elementi reali come cibo, animali, ecc.

GUIDA ALLA CREAZIONE DI UN LOGO

CARATTERISTICHE DI UN LOGO BEN FATTO

CONSULENZA

Colori

Scegliere il colore giusto può determinare la percezione del brand nel mercato ed in parte il suo successo/insuccesso. Infatti, ogni colore assume un significato particolare, legato ad emozioni e richiami culturali. Inoltre i colori possono richiamare l’appartenenza del brand ad una determinata categoria di mercato, ad una fascia di prezzo e ad un determinato lifestyle o permettono di differenziarsi dalla concorrenza.

Uno stesso logo può avere diverse combinazioni di colori per identificare diverse brench del marchio
FedEx

GUIDA ALLA SCELTA DEI COLORI

Slogan / Pay-off / Claim

Deve rimanere nella testa delle persone
Lo slogan è una delle vie più semplici per creare un ricordo duraturo dell’azienda nel pubblico. È una combinazione di parole che nel può, nei casi più riusciti, entrare nel linguaggio comune.

(Barilla), dove c’è Barilla c’è casa.
(Crodino), l’analcolico biondo fa impazzire il mondo.
(Nutella), che mondo sarebbe senza Nutella?
(Adidas), impossible is nothing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *